L’orsa Maggiore è una delle costellazioni più antiche e conosciute in tutte le culture. E’ un’affermazione abbastanza ovvia, visto che la costellazione è circumpolare, ovvero domina i cieli settentrionali per tutto l’anno, senza mai tramontare. In questo suo perpetuo ruotare attorno alla stella Polare, molte popolazioni hanno visto la storia di una ricorrente caccia alla Grande Orsa.
Qui riportiamo il mito della caccia alla grande orsa così come lo raccontano gli indiani Irochesi, che abitavano il nord est degli attuali Stati Uniti, a sud e ad est del lago Ontario.

C’erano quattro cacciatori che erano anche fratelli. Nessuno era bravo come loro a seguire una pista. Erano famosi per non mollare mai una caccia fino all’uccisione della preda.
Un giorno, dopo che le fredde notti erano passate, un messaggio arrivò al villaggio dei quattro cacciatori. In un villaggio vicino era apparso una Grande Orsa, un’Orsa così grande e potente da sembrare un mostro.

La Grande Orsa aveva fatto razzia nelle riserve di caccia del villaggio e gli abitanti erano impauriti, i bambini non andavano più a giocare nei boschi e gli uomini del villaggio sorvegliavano armati le loro case ogni notte. Ma ogni mattina, quando gli abitanti uscivano, trovavano le enormi orme della Grande Orsa nel mezzo del loro villaggio.

Presto il mostro si sarebbe fatto più audace.

La Caccia alla Grande Orsa - Mito Irochese

I quattro cacciatori non si fecero pregare: raccolsero le loro lance, chiamarono il loro cane Quattrocchi e partirono per quel villaggio. Avvicinandosi, furono colpiti dal silenzio dei boschi: nessun coniglio, nessun cervo, anche gli uccelli tacevano. Su un grande pino trovarono i segni lasciati dalla Grande Orsa quando, sollevatasi sulle zampe posteriori, marcò il suo territorio. Il più alto dei fratelli toccò il più alto dei graffi stendendo completamente la sua lancia e sentenziò che quello che si apprestavano a cacciare era Nyah-gwaheh, un’orsa mostruosa.

I fratelli si preoccuparono, poiché Nyah-gwaheh è un’orsa magica, ma il primo fratello li rassicurò: gli anziani raccontavano che se un cacciatore trova le tracce della Grande Orsa prima che il mostro trovi quelle del cacciatore, sarebbe stato il mostro a dover scappare.

Dopo poco, i quattro cacciatori e il loro cagnolino raggiunsero il villaggio. Era uno spettacolo triste: al centro del villaggio non ardeva il fuoco, le porte di tutte le case erano chiuse, gli uomini stavano in guardia con mazze e lance e non c’era nessun rumore di giochi gioiosi di bambini. Inoltre, sembravano tutti molto affamati.

L’anziano del villaggio uscì e i fratelli gli si avvicinarono, dicendogli che avrebbero cacciato il mostro. L’anziano si mostrò perplesso, e raccontò che ogni mattina, usciti di casa, vedevano per poco tempo le tracce dell’Orso, tracce che subito scomparivano. Ma i cacciatori sorrisero: loro, spiegarono, avevano Quattrocchi, un cane che aveva due macchie nere proprio sopra gli occhi, così che poteva vedere qualsiasi traccia, anche quelle vecchie di anni. Allora l’anziano li benedì e i fratelli partirono per la caccia.

Camminarono seguendo il loro cagnolino, che continuava a sollevare la testa, come per guardarsi attorno con i suoi quattro occhi. Sebbene non potessero vedere tracce, potevano sentire la presenza del Nyah-gwaheh con la bocca aperta mentre li osservava con i suoi occhi rosso fuoco e i suoi brillanti denti enormi. Sapevano che se non avessero trovato presto la sua pista, l’Orsa avrebbe trovato la loro e allora sarebbero stati loro ad essere cacciati. Fu proprio allora, però, che il cagnolino sollevò la testa e guaì. Aveva trovato la pista!

Il cuore della Grande Orsa si ricolmò di paura e iniziò a correre. Uscita dal bosco di pini, i quattro cacciatori videro la sua gigantesca sagoma bianca, così pallida da apparire quasi nuda. Con forti grida di caccia, iniziarono a inseguirlo. I grandi passi dell’orsa erano lunghi e correva più rapido di un cervo. Anche i quattro cacciatori e il loro cagnolino erano veloci e non rimasero indietro. La pista conduceva attraverso le paludi e i boschetti. Era facile da leggere, perché l’orsa spingeva tutto da parte mentre correva, abbattendo anche grandi alberi. Continuarono a correre, sulle colline e nelle valli. Arrivarono sul pendio di una montagna e seguirono il sentiero sempre più in alto, e di tanto in tanto scorgevano la loro preda per la successiva salita.

Il giorno si era tramutato nella notte, eppure potevano ancora vedere la sagoma bianca della Grande Orsa davanti a loro. Erano in cima alla montagna e continuavano la corsa, mente il terreno sotto di loro diventava molto buio. A quel punto, uno dei fratelli si lanciò davanti agli altri. Il cacciatore appiattì la sua lancia e la conficcò nel cuore del Nyah-Gwaheh. L’Orsa così morì.

Quando gli altri fratelli lo raggiunsero, il cacciatore aveva già preparato il fuoco e stava tagliando la carne grondante sangue della Grande Orsa. Così cucinarono la sua carne e il suo grasso sfrigolò mentre gocciolava dal loro fuoco. Mangiarono fino a quando non furono tutti sazi. Proprio allora, uno dei fratelli abbassò lo sguardo sui suoi piedi e urlò di meraviglia. Sotto di loro c’erano migliaia di piccole luci scintillanti nell’oscurità. Non erano sulla cima di una montagna, erano su nel cielo. La Grande Orsa era veramente magica, e i suoi piedi l’avevano portata in alto sopra la terra mentre cercava di sfuggire ai quattro cacciatori. Tuttavia, la determinazione dei fratelli a non rinunciare alla caccia aveva portato anch’essi ad inseguirla fino in cielo.

Proprio allora il loro cagnolino vomitò due volte. Lì, dove avevano ammassato le ossa della loro festa, l’Orsa tornava in vita e si alzava in piedi. Mentre guardavano, cominciò a correre di nuovo, e il piccolo cane partì alle sue calcagna. Afferrando le loro lance, i quattro cacciatori ricominciarono a inseguire la Grande Orsa attraverso i cieli.

Così è stato, raccontano gli anziani, e così è ancora. Ogni autunno i cacciatori inseguono la Grande Orsa attraverso i cieli e la uccidono. Poi, mentre lo tagliano per il pasto, il sangue cade dal cielo e colora le foglie degli aceri, che diventano arancioni e scarlatte. Cucinano l’orso e il grasso che gocciola dai loro fuochi trasforma l’erba bianca.

Se si guarda attentamente il cielo mentre le stagioni cambiano, questa storia si può leggere con facilità.
La Grande Orsa è la forma quadrata che alcuni chiamano la ciotola del Grande Carro. I cacciatori e il loro cagnolino (che riesci a vedere a malapena) sono vicini, la maniglia del mestolo. Quando arriva l’autunno e quella costellazione si capovolge, gli anziani raccontano che il pigro cacciatore ha ucciso l’orsa. Ma mentre le lune passano e il cielo si muove ancora una volta verso la primavera, l’orsa torna lentamente in piedi e la caccia ricomincia.